La Sicilia, con 10 porti crocieristici e 368.573 passeggeri movimentati nel 2021, si conferma la terza regione in Italia per traffico crocieristico dietro solamente a Liguria e Lazio, rispettivamente con 700.00 e 520.000 passeggeri documentati.

Ma se il 2021 era stato un anno di transizione, dopo il “buio” del 2020, anno compromesso dalla pandemia di Covid, il 2022 si candida ad essere l’anno del definitivo rilancio. E i primi dati sono molto più che confortanti tant’è che le stime di fine anno indicano in più di 1 milione e mezzo i passeggeri che transiteranno per i porti di Catania, Messina e Palermo.

Il 2022 a Catania, Palermo e Messina

“Con 100 accosti e 160mila passeggeri registrati quest’anno – ha detto Attilio Montalto, segretario generale dell’AdSP Mare Sicilia Orientale, presente all’ultima edizione di Travelexpo a Terrasini – possiamo dire che la ripresa è già iniziata anche perché le compagnie Costa e Aida continuano a essere interessate al nostro porto. Al porto di Augusta, invece, che fa parte della nostra Autorità di sistema, durante il periodo nero del covid, abbiamo ospitato 2/3 navi da crociera in contemporanea”.

Anche a Palermo i crocieristi stanno tornando in massa e nel 2022 seppur ancora lontani dai livelli del 2019 la ripresa si vede, eccome. “Chiuderemo l’anno con 640 mila passeggeri e 250 accosti – riferisce Antonio di Monte, general manager West Sicily Gate – e per il 2023 è previsto un ulteriore incremento. Nella Sicilia occidentale il traffico crocieristico non conosce stagioni, si sviluppa tutto l’anno”.

A Messina invece si prevede che saranno 218 le navi da crociera a fare scalo in questo 2022. “Come avevamo preannunciato – ha affermato il presidente dell’autorità dello Stretto Mario Mega – il 2022 è certamente l’anno della ripresa del traffico crocieristico e per Messina, in particolare, sarà un anno memorabile per il numero di navi attese”.

Sino alla fine dell’anno sono attesi circa 610.000 passeggeri, numero che fa di Messina il primo porto crocieristico della Sicilia. E guardando ancora più in là, per l’estate 2023 è attesa la nuova ammiraglia della flotta “MSC World Europa” che entrerà in servizio a novembre. Sarà la nave più grande al mondo ad essere alimentata a gas naturale liquefatto, il combustibile fossile attualmente più pulito al mondo. La nuova ammiraglia per tutta l’estate 2023 sarà di casa a Messina per le crociere nel Mediterraneo occidentale. 

“Traffico in ripresa anche se siamo ancora lontani dai numeri record del 2019 – ha spiegato Anthony La Salandra, direttore “Risposte Turismo” che ogni anno cura il report sul turismo crocieristico in Italia -. I porti siciliani hanno un vantaggio rispetto agli altri: una maggiore varietà di clientela e armatori perché riescono a coinvolgere utenze diverse e poi in Sicilia si continua a investire nel comparto con la realizzazione di nuovi terminal”.

In Liguria, Lazio e Sicilia il 55% del traffico passeggeri totale

Il 2021 ha visto il traffico passeggeri concentrato in 3 regioni: Liguria, Lazio e Sicilia. Se da una parte il Lazio ha registrato movimentazione passeggeri grazie al suo principale porto, Civitavecchia, la Liguria e la Sicilia sono invece state avvantaggiate dalla presenza di più di un porto operativo sul territorio. Le tre regioni concentrano il 55% degli accosti registrati in Italia nel 2021, piuttosto equilibrati nella distribuzione tra esse. Oltre alle tre regioni sopracitate si segnalano i buoni risultati di Puglia, Campania e Friuli Venezia Giulia.

Nel 2022 il traffico crocieristico continuerà a recuperare volumi: “Risposte Turismo” stima in oltre 7 milioni i movimenti passeggeri quest’anno grazie a oltre 4.300 toccate nave in più di 50 porti italiani. Se le previsioni verranno confermate si tratterà di una crescita del +180% sul 2021.

Le classifiche 2022

Con Civitavecchia saldamente primo porto crocieristico italiano, quest’anno saranno Genova e Napoli a contendersi secondo e terzo posto. Nella top 10 italiana tornerà ad esserci Livorno e saranno significative le crescite in altri porti tra cui Ravenna, Catania, Olbia e Brindisi. La Liguria e la Sicilia saranno le uniche regioni a contare su più porti nella top 10 (rispettivamente tre e due) mentre a fine anno dovrebbero essere 16 i porti italiani a riuscire a movimentare oltre 100.000 movimenti passeggeri.

Top 20 Mediterraneo nel 2021 La classifica dei porti mediterranei per traffico passeggeri vede affiancate nel 2021 al primo posto Barcellona e Civitavecchia (rispettivamente 520.000 e 519.060 passeggeri, con +156% e +151% sul 2020). Al terzo posto Genova (+218% sul 2020), seguita da Marsiglia (351.000 passeggeri) e Palma de Mallorca (344.000). Anche quest’anno la classifica nei primi 20 posti vede l’inclusione di 9 porti italiani, contro i 4 spagnoli e i 5 greci. (articolo già pubblicato su FocuSicilia)

Di Dario Raffaele

Giornalista professionista dal 2009 e Social media manager, mi piace definirmi un Social media journalist. Specializzato nel settore travel, amo raccontare emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *