Etna crateri silvestri

L’Etna, maestoso vulcano attivo (il più alto d’Europa) situato a Catania, sulla costa orientale della Sicilia, è uno dei luoghi più straordinari e affascinanti da visitare in Italia. Con il suo paesaggio unico e la sua storia vulcanica, l’Etna offre un’esperienza indimenticabile.

I due versanti dell’Etna

L’Etna presenta notevoli differenze tra il suo versante Sud, rappresentato principalmente dal Rifugio Sapienza, e il versante Nord, noto come Piano Provenzana.

Versante Sud, Rifugio Sapienza

Il Rifugio Sapienza, sul versante Sud, è la porta principale di accesso all’Etna. È facilmente raggiungibile in auto e dispone di un ampio parcheggio. Il Rifugio Sapienza è un punto di partenza comune per molte escursioni sull’Etna. Dalle sue alture, i visitatori possono iniziare escursioni a piedi verso i crateri, sia autonomamente che con guide esperte.

Il versante Sud offre viste panoramiche spettacolari sulla costa siciliana e sul Mar Ionio. Durante le giornate limpide, è possibile vedere anche l’isola di Malta.

La zona intorno al Rifugio Sapienza è caratterizzata dalla presenza di ristoranti, bar e negozi di souvenir, rendendola un luogo adatto per una sosta confortevole durante l’esplorazione.

Versante Nord, Piano Provenzana

Piano Provenzana, sul versante Nord, è raggiungibile principalmente attraverso la città di Linguaglossa. La strada di accesso è più stretta rispetto al versante Sud, ma offre ugualmente uno spettacolare viaggio attraverso boschi e paesaggi suggestivi.

Il versante Nord è caratterizzato da un ambiente più selvaggio e meno sviluppato rispetto al versante Sud. Qui, gli escursionisti possono godere di sentieri immersi nella natura e incontaminati.

Importante notare che Piano Provenzana è stata colpita da un’eruzione nel 2002, che ha comportato danni significativi alle strutture della zona. Tuttavia, negli anni successivi, sono state intraprese azioni per la sua ricostruzione e rinnovamento.

Nelle vicinanze si trovano antichi eremi e borghi che aggiungono un tocco storico e culturale all’esplorazione del versante nord.

Come arrivare sull’Etna

Per arrivare da Catania sino al Rifugio Sapienza sull’Etna, ci sono tre possibilità.

Raggiungere l’Etna Sud in auto

La prima, la più scontata è quella di utilizzare la propria auto o noleggiarne una. Per salire al Rifugio Sapienza bisogna seguire le indicazioni per Nicolosi, il comune più vicino, quindi quelle per l’Etna. La strada è ben segnalata e il Rifugio Sapienza si raggiunge facilmente dal centro di Catania in circa 55 minuti percorrendo poco più di 35 chilometri.

Raggiungere l’Etna Sud in autobus

Se non si ha a disposizione una macchina e non si vuole noleggiarla, è possibile raggiungere il Rifugio Sapienza sull’Etna in autobus. Il servizio viene effettuato dall’Ast (Azienda siciliana trasporti) tutti i giorni (tranne 25 dicembre, 1 gennaio, 15 agosto e domenica di Pasqua) con partenza da Piazza Giovanni XXIII (il piazzale della stazione centrale di Catania) alle 8:15 e arrivo al Rifugio Sapienza alle 10:15.

La corsa di ritorno dal Rifugio Sapienza per Catania viene effettuata alle 16:30. Il biglietto di andata e ritorno costa 6,60 euro e si può acquistare anche sull’autobus. Dal 15 giugno al 15 settembre, tutti i giorni eccetto la domenica, è disponibile una corsa aggiuntiva con partenza da Catania alle 11:30.

Come raggiungere Piano Provenzana (Etna Nord)

Piano Provenzana (sul versante Nord dell’Etna) si raggiunge percorrendo l’autostrada A18 Catania – Messina. Da qui occorre prendere l’uscita di Fiumefreddo di Sicilia, e proseguite per Linguaglossa percorrendo la S.S. 120.

Al centro di Linguaglossa occorre girare a sinistra su Via Umberto e seguire le indicazioni per Etna Nord arrivando sulla Strada Ragionale Mareneve. Salite sempre dritti per 18 chilometri tra tornanti e vegetazione fino a raggiungere Piano Provenzana.

Vi ricordiamo sempre che vige l’obbligo di catene da neve o pneumatici da neve su tutte le strade di montagna già a partire dal casello autostradale di Fiumefreddo di Sicilia.

Percorrere la Mareneve in macchina è un vero spettacolo che vi preparerà ai paesaggi che troverete in cima all’Etna.

Purtroppo non ci sono mezzi pubblici per raggiungere Piano Provenzana, si può arrivare sino a Linguaglossa. Da lì occorrerà affidarsi a un mezzo privato o a un’agenzia.

Il terzo modo per raggiungere l’Etna è quello di affidarsi totalmente alle tante agenzie che offrono tour ed escursioni. Da Get your guide a Civitatis (internazionali) alle tante altre agenzie locali che offrono il servizio. I prezzi variano dai 59 euro a poco più di 100 euro a persona.

Attività da fare sull’Etna

Escursioni a Piedi. Per gli amanti del trekking, ci sono diverse vie escursionistiche che conducono ai crateri dell’Etna. Le escursioni sono adatte a vari livelli di abilità, e molte partono dal Rifugio Sapienza.

Funivia e Veicoli 4×4. La Funivia dell’Etna vi porterà a un’altitudine elevata (2500 metri), da cui potete continuare con veicoli 4×4 fino ai crateri superiori. Questo è un modo comodo per esplorare le zone più alte senza affrontare escursioni a piedi impegnative.

Tour Guidati. Numerose agenzie offrono tour guidati sull’Etna, che includono trasporti, guide esperte e spesso la possibilità di esplorare aree non accessibili al pubblico in generale.

Giri in Elicottero. Per un’esperienza davvero unica, optate per un giro in elicottero che vi offrirà una prospettiva a volo d’uccello sull’imponenza del vulcano e dei suoi dintorni.

Cosa Vedere sull’Etna

Crateri Silvestri. I Crateri Silvestri, facilmente accessibili dal versante Sud dell’Etna, offrono una vista spettacolare sul paesaggio lunare del Vulcano. Sono due crateri formatisi durante l’eruzione del 1892 e sono situati a un’altitudine di circa 1.900 metri. Si possono raggiungere sia in auto che a piedi.

Rifugi di Montagna. L’Etna ospita rifugi di montagna che offrono riparo e ristoro per gli escursionisti. Il Rifugio Sapienza è uno dei più noti e offre un punto di partenza ideale per esplorare l’area.

Grotta del Gelo. Scendete nelle viscere del vulcano per esplorare la Grotta del Gelo, una caverna (nel versante Nord dell’Etna) dove il ghiaccio resiste anche nelle estati più calde. Un’esperienza unica a contatto con la forza della natura. La Grotta del Gelo è considerato il ghiacciaio più a Sud d’Europa

Come arrivare alla grotta del gelo

Esistono diversi percorsi che portano alla grotta del gelo. Il più semplice è certamente giungere al Rifugio Ragabo, che si trova nel comune di Linguaglossa. Iniziate da qui, il cammino sulla famosa “Pista Altomontana”, per circa 10 km fino alla Grotta dei Lamponi. Giunti fin qui bisognerà abbandonare la strada ed iniziare una lunga salita sulla lava compatta, seguendo un sentiero segnalato da “omini” di pietra, bastoni piantati sul terreno e qualche spruzzo di vernice.

Il percorso adesso risulta decisamente più impegnativo e, presenta un dislivello di circa 400 metri su un tratto di circa 5 km ed una considerevole pendenza. Nonostante la difficoltà, il sentiero regala scenari di assoluta bellezza come il vasto campo lavico in cui ci si trova, e il Monte dei Morti.

Valle del Bove. La Valle del Bove è una vasta caldera formatasi a seguito di antiche eruzioni. Le escursioni attraverso questo paesaggio lunare vi permetteranno di ammirare la grandezza dell’Etna da un’angolazione diversa.

Obbligo delle guide

Per affrontare il vulcano nella parte sommitale è obbligatorio prenotare una guida vulcanologica. Personale qualificato e formato per accompagnare i turisti nelle aree sommitali.

Attualmente, le Guide dell’Etna, sono le uniche figure autorizzate all’accompagnamento ai sensi della L.R. 28 del 6/4/96, fanno parte del Collegio regionale delle Guide Alpine e Vulcanologiche della Sicilia, conta n. 53 iscritti fra guide alpine, guide alpine emerite e guide vulcanologiche.

Funivia dell’Etna

Dal rifugio Sapienza a 1900 metri, si può salire a quota 2500 con la Funivia dell’Etna sino alla Stazione di monte. Da qui con speciali autobus 4×4 si raggiunge la quota massima consentita dalle autorità competenti in area sommitale. L’apertura della funivia è alle 8:30, l’ultima discesa è alle 15:50. Per legge, per proseguire, occorre essere accompagnati da guide autorizzate.

Costi della Funivia

L’escursione ad alta quota sull’Etna (attraverso la Funivia dell’Etna) ha un costo che varia a seconda della stagione e del giorno della settimana. Previsti sconti per i residenti nella provincia di Catania.

Costi per i non residenti

Il costo delle escursioni per i non residenti è di 69 euro + 9 per la guida (obbligatoria). I bambini pagano 41 euro + per la guida. Sotto i 5 anni non si paga.

L’escursione con il gatto delle nevi costa 80 euro + 9 per gli adulti, 41 euro + 9 per i bambini dai 5 ai 10 anni.

L’escursione al tramonto (che si svolge solo nei giorni di martedì e giovedì con partenza alle 18 e rientro alle 20) ha un costo di 69 euro + 9 euro per la guida alpina obbligatoria. Sempre 41 euro + 9 per i bambini dai 5 ai 10 anni.

Solo il passaggio in funivia da quota 1993 a quota 2500 costa 50 euro per gli adulti e 30 euro per i bambini.

Costi per i residenti

Costi in inverno per i residenti

In inverno il costo della Funivia (più autobus 4×4 e guida vulcanologica) è di 62 euro per gli adulti dal lunedì al venerdì e 35 euro per i bambini da 5 a 10 anni, sotto i 5 anni non si paga. Il sabato e la domenica il costo è di 44 euro per gli adulti e 25 euro per i bambini (free sotto i 5 anni).

Costi durante il resto dell’anno per i residenti

Durante il resto dell’anno il costo è, dal lunedì al venerdì, di 47 euro per gli adulti, 35 euro per i bambini dai 5 ai 10 anni. Da 0 a 4 anni il servizio è gratuito. Sabato e domenica il costo è di 34 euro per gli adulti, 25 euro per i bambini sino ai 10 anni, non pagano i bambini da 0 a 4 anni.

Solo il passaggio da quota 1993 alla stazione monte di 2500 metri ha un costo di 21 euro per gli adulti e 16 per i bambini.

Consigli pratici per un’escursione sull’Etna

Abbigliamento adeguato. Indossate abbigliamento comodo e adatto alle condizioni climatiche. Anche in estate, le temperature possono essere fresche ad alte quote.

Acqua e snack. Portate con voi acqua e snack, specialmente se state affrontando escursioni a piedi. L’altitudine può aumentare la necessità di idratazione.

Verifica delle condizioni meteorologiche. Le condizioni meteorologiche sull’Etna possono variare rapidamente. Prima di partire, controllate le previsioni e assicuratevi di essere preparati per ogni eventualità.

Guida esperta. Se state esplorando il vulcano per conto proprio, assicuratevi di essere ben informati sulle condizioni del percorso. In alternativa, optate per una guida esperta che vi conduca in sicurezza attraverso i sentieri e le aree vulcaniche.

Esplorare l’Etna è un’esperienza avvincente che vi permetterà di connettervi con la potenza della natura e la storia geologica dell’isola siciliana. Sia che optiate per un’avventura a piedi o un giro panoramico in funivia, l’Etna vi lascerà con ricordi indelebili di un paesaggio vulcanico unico al mondo.

Di Dario Raffaele

Giornalista professionista dal 2009 e Social media manager, mi piace definirmi un Social media journalist. Specializzato nel settore travel, amo raccontare emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *