Porto, Portogallo

Porto, la città più importante del Nord del Portogallo, situata lungo le rive del fiume Douro, è una meta turistica affascinante per il suo carattere autentico, il patrimonio ricco di sfumature e la combinazione unica di storia, cultura, architettura mozzafiato e paesaggi spettacolari, che regalano al visitatore moltissime cose da vedere e da fare.

Quanti giorni servono per visitare Porto

Per esplorare Porto a fondo e visitare anche le zone circostanti occorrono almeno tre giorni.

Ecco una suddivisione ideale del tempo che puoi dedicare alle principali attrazioni e attività a Porto.

Giorno 1: il centro storico di Porto

  • Visita della Cattedrale di Porto (Sé Catedral) e del suo chiostro
  • Stazione di Sao Bento e dei suoi azulejos, chiesa Dos Congregadoschiesa di Sant’Ildefonso
  • Passeggiata per il quartiere Ribeira lungo le rive del fiume Douro
  • Visita alla Livraria Lello e alla Torre de los Clerigos
La cattedrale di Porto
Sè Cattedral di Porto vista dall’alto (foto Dario Raffaele)

Giorno 2: il vino di Porto e i ponti sul Douro

  • Crociera sul fiume Douro per scoprire i ponti di Porto
  • Visita alle cantine di Vila Nova de Gaia per degustare il famoso Vino Porto
  • Chiesa di São Francisco e al Palazzo della Borsa
  • Casa della Música, icona architettonica moderna
  • Assistere a uno spettacolo di Fado

Giorno 3: musei e mercati

  • Visita al Museo di Arte Contemporanea di Serralves e ai suoi giardini
  • Passeggiata lungo la Rua de las Flores e la Rua Santa Catarina
  • Visita al mercato di Bolhao
  • Passeggiata lungo la spiaggia di Matosinhos e bagno alle Piscina das Marés

Giorno 4: i dintorni di Porto

Se hai più giorni a disposizione, potresti dedicare un giorno alla visita delle località circostanti come Braga e Guimaraes (Civitatis organizza tutti i giorni un tour guidato di 9 ore nelle due città).

Un’altra possibilità è quella di fare escursioni nella regione del Douro, famosa per le sue vigne e i paesaggi mozzafiato.

Castello di Guimaraes
Castello di Guimaraes (foto Dario Raffaele)

Cosa vedere a Porto

Sé Catedral

La Cattedrale è il punto di partenza ideale per visitare Porto (o Oporto, come è chiamata da molti).

Conosciuta come Sé Catedral, è uno dei gioielli architettonici e religiosi più significativi della città.

Situata nel cuore del centro storico, è un punto di riferimento emblematico che si erge maestosamente su una collina, offrendo una vista spettacolare su Porto e sul fiume Douro.

La storia della Cattedrale

La Cattedrale di Porto ha una storia millenaria, con origini che risalgono almeno al XII secolo.

La sua costruzione iniziò nel 1110 per volere del primo vescovo della città, D. Hugo, durante il periodo romano-gotico.

Nel corso dei secoli subì numerose modifiche e ampliamenti, integrando elementi di diversi stili architettonici, come il romanico, il gotico e il barocco.

La cattedrale fu elevata a basilica nel 1394 e divenne un importante centro religioso della città. Nel corso dei secoli, fu oggetto di ristrutturazioni e interventi architettonici, ma ha conservato intatto il suo fascino e la sua magnificenza.

L’interno della Cattedrale e il Chiostro

All’interno, la Cattedrale presenta una navata principale e due laterali dove si possono ammirare l’altare maggiore barocco e l’altare in oro della cappella del Santissimo Sacramento del XVII e XVIII secolo.

Sul lato sud della Cattedrale si apre il chiostro gotico adornato con splendidi azulejos portoghesi del XVIII secolo.

Costruito nel XIV secolo, è un’oasi di tranquillità e bellezza, circondato da colonne e archi gotici decorati con dettagli intricati.

Uno dei momenti più suggestivi durante la visita alla Cattedrale è la vista panoramica sulla città che si gode dalla sua terrazza: un colpo d’occhio sulle case colorate, i tetti di terracotta e il fiume Douro che scorre tranquillamente.

Vista panoramica di Porto
Vista panoramica di Porto (foto Dario Raffaele)

Ribeira, il colorato quartiere Unesco di Porto

Dalla Cattedrale partono una serie di stradine e scalinate che conducono a uno dei quartieri più pittoreschi e affascinanti della città: la Ribeira.

Questo quartiere storico, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, è un vero e proprio concentrato di atmosfera autentica portoghese, architettura affascinante e vibrante movida.

Quartiere Ribeira Porto
Uno scorcio della Ribeira (foto Dario Raffaele)

Durante l’epoca romana il quartiere era un importante centro commerciale grazie alla sua posizione strategica sul fiume Douro.

Nel corso dei secoli la Ribeira ha subito diverse trasformazioni, ma ancora oggi conserva vicoli ed edifici medievali e un’atmosfera autentica.

Cosa vedere nel quartiere Ribeira

Le stradine acciottolate e le case colorate rappresentano un affascinante esempio di architettura tradizionale portoghese.

Le facciate dipinte con vivaci tonalità pastello, le finestre in ferro battuto e i balconi adornati di fiori creano un ambiente incantevole e romantico.

Passeggiando per le strade, ci si ferma ad ammirare antichi edifici storici, come la Casa do Infante, una casa medievale che fu la residenza del principe Enrico il Navigatore.

Ma il vero cuore della Ribeira è rappresentato dal suo lungofiume: un’ampia passeggiata sul Douro, affollata di locali, ristoranti e caffè.

Qui, a tutte le ore, è possibile respirare un’atmosfera vivace e ammirare il panorama sulla città e sui suoi famosi ponti.

E poi tuffarsi nella vita notturna di Porto: dopo il tramonto, il lungofiume si anima di luci, suoni e persone che si riversano nei numerosi bar e ristoranti.

La Ribeira è infatti il luogo ideale per assaggiare piatti tradizionali portoghesi, come il famoso bacalhau o la francesinha, accompagnato da un bicchiere di Porto, il vino locale, mentre si ascolta il Fado, la musica tipica del Portogallo.

Il Ponte Dom Luís I

Porto è famosa per i suoi ponti iconici sul fiume Douro. Tra questi, il Ponte Dom Luís I (1886), un imponente costruzione in ferro progettato da Teofilo Seyring, che collega la Ribeira con la città di Vila Nova de Gaia.

È possibile attraversare il ponte a piedi o in tram, godendo di viste panoramiche mozzafiato sulla città.

Ponti fiume Douro Porto
Uno dei ponti sul fiume Douro a Porto (foto Dario Raffaele)

Un altro ponte molto amato a Oporto è quello di Dona Maria Pia: alto 61 metri, fu costruito nel 1877 da Gustave Eiffel.

Gli altri ponti che collegano le due sponde del fiume sono il Ponte di São João, quello dell’Infante Dom Henrique, il Ponte da Arrábida e il Ponte do Freixo.

Chiesa di San Francesco

La Chiesa di San Francisco, o Igreja de São Francisco in portoghese, è uno dei più importanti luoghi di culto e siti turistici di Porto.

Costruita nel corso dei secoli, rappresenta uno dei migliori esempi di architettura gotica e barocca del Paese ed è famosa per le sue impressionanti decorazioni interne, in particolare per la Cappella d’Oro.

Un capolavoro di arte barocca rivestito da un lussuoso intarsio di legno dorato e scolpito.

Le pareti, il soffitto e gli altari della Cappella d’Oro sono completamente rivestiti da scene bibliche e raffigurazioni religiose finemente intagliate e decorate.

Una sontuosa decorazione che risale al XVIII secolo ed è stata commissionata dai frati francescani con l’intento di creare uno spazio di venerazione ancora più solenne.

Torre dos Clérigos

La Torre dos Clérigos (in italiano, Torre dei Chierici) è uno degli edifici più iconici di Porto.

Si tratta di una torre campanaria situata nel centro di Porto, nella zona di Vitória, e fa parte dell’Igreja dos Clérigos (Chiesa dei Chierici), una delle principali attrazioni turistiche della città.

Torre Dos Clerigos Porto
La torre Dos Clerigos a Porto (foto Dario Raffaele)

La costruzione della Torre dos Clérigos iniziò nel 1754 e fu completata nel 1763, su progetto dell’architetto italiano Nicolau Nasoni.

L’architettura della torre riflette lo stile barocco e tardobarocco, caratterizzato da linee curve, ornamenti e una grande attenzione ai dettagli.

La torre, alta circa 75 metri, è composta da sei livelli, incluso il campanile all’ultimo piano, ed è realizzata interamente in granito.

Si erge con maestosità sopra gli edifici circostanti e offre una vista panoramica mozzafiato sulla città e il Douro.

Palazzo della Borsa

Il Palazzo della Borsa (Palácio da Bolsa), situato nel cuore di Porto, è uno dei gioielli architettonici più affascinanti della città.

Questo magnifico edificio è una testimonianza della ricchezza e del prestigio che Porto ha goduto durante il XIX secolo, quando era un importante centro commerciale e finanziario.

Il Palazzo fu costruito a partire dal 1842 per essere completato nel 1910, sulle rovine del convento di San Francesco.

La Borsa Valori di Porto fu trasferita qui nel XIX secolo, motivo per cui l’edificio è noto anche come “Borsa di Porto”.

Palazzo della Borsa Porto
Il Salone Arabo nel Palazzo della Borsa di Porto (foto Dario Raffaele)

L’architettura del Palazzo della Borsa è un connubio di stili diversi. L’edificio è principalmente neoclassico, ma presenta influenze neopalladiane, neorinascimentali e neobarocche. Da visitare assolutamente la sala delle assemblee, caratterizzata da un soffitto a cupola e affreschi raffiguranti scene storiche e mitologiche, e il salone Arabo.

Quest’ultimo è un esempio sublime dell’influenza moresca nell’architettura portoghese, con pareti riccamente decorate, archi colorati e stucchi dettagliati.

Stazione di Sao Bento

Azulejos stazione Sao Bento Porto
L’interno della stazione di Sao Bento a Porto (foto di Dario Raffaele)

La stazione di São Bento è una delle stazioni ferroviarie più affascinanti del Portogallo, situata nel cuore di Porto. Oltre ad essere un’importante infrastruttura di trasporto, è una testimonianza dell’eleganza architettonica e della storia di Porto. Ciò che rende la Stazione di São Bento speciale è il suo magnifico salone. Appena entrati nella stazione, i visitatori vengono accolti da una delle sale ferroviarie più spettacolari al mondo.

Le pareti del salone sono rivestite da più di 20.000 piastrelle di ceramica (azulejos) dipinte a mano, che rappresentano scene storiche e di vita quotidiana del Portogallo. Questi splendidi pannelli di azulejos, creati dal pittore portoghese Jorge Colaço, raccontano la storia del Paese e delle sue tradizioni, catturando l’attenzione e l’immaginazione dei visitatori.

Libreria Lello

 Libreria Lello Porto
L’esterno delle Libreria Lello a Porto (foto Dario Raffaele)

La Livraria Lello di Porto è una delle librerie più belle e famose al mondo. Fondata nel 1906 dai fratelli José e António Lello, è diventata un’icona culturale e un simbolo di Porto.

Ciò che rende la Libreria Lello davvero straordinaria è la sua architettura: in stile neogotico, con una facciata decorata da sculture, ornamenti e un’incredibile vetrata colorata.

L’entrata principale è sormontata da una splendida scala in legno intagliato che si estende attraverso il centro della libreria, creando un’atmosfera magica e fiabesca.

La libreria è anche famosa per aver ispirato l’autrice J.K. Rowling nella creazione del negozio di bacchette di Ollivander nei libri di Harry Potter.

Per visitare questo luogo speciale bisogna pagare il biglietto d’ingresso, ma il costo è solitamente rimborsato se si acquista un libro. Poiché è una delle attrazioni turistiche più visitate della città, spesso ci sono code all’ingresso.

Per evitare lunghe attese, è consigliabile visitare la libreria al mattino presto o nel tardo pomeriggio e comunque prenotare sempre la visita online.

La Casa da Música

La Casa da Música è un’importante sala da concerto e un punto di riferimento culturale della città, oltre che un simbolo dell’innovazione e della modernità di Porto. È stata progettata dall’architetto olandese Rem Koolhaas e costruita in occasione dell’anno culturale europeo nel 2001, quando Porto fu designata Capitale Europea della Cultura.

Il progetto dell’edificio è stato completato nel 2005 e ha richiesto un investimento significativo.

L’architettura della Casa da Música è audace e contemporanea, caratterizzata da superfici di cemento bianco e vetrate con forme geometriche e angoli distinti che creano una struttura sorprendente e originale.

Le chiese di Porto

Porto è famosa tra le altre cose per le sue straordinarie chiese adornate con meravigliosi azulejos, le tradizionali piastrelle di ceramica dipinte a mano. Ecco quelle che meritano assolutamente una visita:

Chiesa di São Bento da Vitória

La chiesa di São Bento da Vitória è un gioiello nascosto nel cuore di Porto. All’interno, gli azulejos rivestono gran parte delle pareti, rappresentando scene bibliche, episodi della vita di Cristo e immagini sacre. La loro bellezza è completata dall’architettura barocca della chiesa, creando un’atmosfera di devozione e meraviglia.

Chiesa di Santo Ildefonso

La chiesa di Santo Ildefonso è celebre per le sue facciate decorate con migliaia di azulejos. Queste piastrelle colorate formano splendidi pannelli che rappresentano la Passione di Cristo, la vita dei santi e altre scene religiose. Costruita nel XVIII secolo, la chiesa è un luogo di preghiera e di ammirazione per i visitatori, affascinati dalla maestosità delle sue decorazioni.

Chiesa di Santa Clara

La chiesa di Santa Clara è un esempio impressionante dell’arte degli azulejos del XVIII secolo. Le sue pareti e le volte sono ornate da bellissimi pannelli che ritraggono la vita di Santa Chiara d’Assisi. Questa chiesa affascina i visitatori con la delicatezza delle sue decorazioni e la storia che evocano.

Chiesa do Carmo

Igreja do Carmo Porto
Facciata della Chiesa do Carmo a Porto (foto Dario Raffaele)

La chiesa do Carmo è un’importante chiesa barocca, costruita nel XVIII secolo, che si distingue per la sua architettura maestosa e l’esuberanza decorativa dei tradizionali azulejos.

Chiesa di San Giovanni Novo

La chiesa di San Giovanni Novo è una piccola chiesa nascosta tra le strade di Porto, che merita sicuramente di essere scoperta.

Soprattutto, per la bellezza degli azulejos colorati che rivestono le sue pareti e che rappresentano la vita di San Giovanni Battista e altre figure religiose.

Museo di arte contemporanea di Serralves

Il Museo di arte contemporanea di Serralves è una destinazione culturale imperdibile per gli amanti dell’arte moderna e contemporanea.

All’interno di una struttura bianca realizzata dal famoso architetto Álvaro Siza Vieira, circondata da un parco immenso, ospita una vasta collezione di arte contemporanea portoghese e internazionale, più mostre temporanee.

Le opere esposte includono dipinti, sculture, fotografia, installazioni e arte multimediale, abbracciando una vasta gamma di stili e linguaggi artistici.

Cosa fare a Porto

A Porto, ci sono molte attività ed esperienze interessanti da fare durante una visita.

Visitare il Mercato di Bolhão

Tra le prime c’è quella di immergersi nella vita quotidiana della città visitando il Mercato di Bolhão.

Il luogo giusto dove scoprire i sapori e gli odori locali, acquistare prodotti freschi e tradizionali e vivere l’esperienza di un autentico mercato portoghese.

 Mercato di Bolhao Porto
Il mercato di Bolhao a Porto (foto Dario Raffaele)

La crociera dei sei ponti sul fiume Douro

Un’altra cosa da fare a Porto è la crociera sul fiume Douro.

In questo modo sarà possibile ammirare dall’acqua le colline verdi, i vigneti terrazzati e le affascinanti cittadine lungo il fiume, mentre si gode di un’esperienza rilassante e suggestiva. Si può scegliere tra crociere corte o lunghe, con o senza pasto a bordo. Ogni giorno, poi, partono numerose crociere panoramiche alla scoperta dei “Sei ponti” sul Douro. Tra queste vi segnaliamo quella organizzata da Civitatis, della durata di circa un’ora.

Le degustazioni di Porto

Porto è famosa in tutto il mondo per il suo vino e le cantine sono il luogo ideale per scoprire la sua produzione. Situate nella vicina città di Vila Nova de Gaia, offrono visite guidate e degustazioni, permettendo ai visitatori di immergersi nella tradizione vinicola della regione.

Tra i centri di degustazione segnaliamo il Solar do Vinho do PortoCalém e Ramos Pinto.

Rilassarsi in uno dei numerosi parchi di Porto

Scoprire i giardini e i parchi di Porto è un’esperienza che lascia grandi e piccoli entusiasti. Tra i numerosi spazi verdi dove rilassarsi e godersi la natura ci sono senz’altro il Parco della Città, il Parco di Serralves e il Giardino del Palácio de Cristal.

Palazzo di Cristallo Porto
Il giardino del Palazzo di Cristallo a Porto (foto Dario Raffaele)

Un giro sul tram storico

Un’ultima esperienza da fare a Porto è quella di saltare sul tram storico e visitare la città a bordo di questo mezzo tanto antico quanto attuale e usato quotidianamente dai locali. Sono due i tram storici che consigliamo: il n. 22 e il n. 1. Il numero 22 si può prendere alla fermata di Carmo per godere a pieno dell’esperienza. Il numero 1 parte dalla fermata Infante, vicino la chiesa di San Francesco. Da qui inizia il suo percorso seguendo il fiume Douro fino ad arrivare a Passeio Alegre, nel quartiere Foz.

Tram storico Porto
Uno dei tram storici in giro a Porto (foto Dario Raffaele)

Visitare una Casa del Fado

Il Fado, genere musicale tradizionale portoghese dichiarato patrimonio immateriale dell’Unesco nel 2011, è l’espressione dell’anima e della cultura del popolo portoghese.

Nato nel XIX secolo nelle strade dei quartieri più poveri di Lisbona, il Fado è una forma di canto appassionato e malinconico che cattura le emozioni e le storie della vita quotidiana. Sebbene Lisbona sia il luogo più famoso per questa melodia struggente, anche la città di Porto ha una lunga e significativa tradizione legata al Fado, che ha lasciato un’impronta indelebile sulla sua identità culturale.

Ideal Club di Porto
Un’esibizione di Fado all’Ideal Club di Porto (foto Dario Raffaele)

A Porto, il Fado viene eseguito in piccoli locali intimi noti come Casas de Fadocase del fado.

Questi luoghi offrono un’esperienza autentica e coinvolgente, dove gli artisti si esibiscono a stretto contatto con il pubblico. Le case del Fado a Porto sono spesso caratterizzate da un’atmosfera intima e accogliente, con pareti in pietra e un’illuminazione soffusa che crea l’ambiente perfetto per immergersi nelle melodie struggenti.

Tra queste, segnaliamo l’Ideal Club di Fado dove si può ascoltare la più autentica tradizione del fado classico. Se si è interessati a saperne di più sul Fado, è possibile venire 15 minuti prima del concerto per partecipare a un incontro con i musicisti e con Ricardo Pons, in particolare, chitarrista nonché appassionato host di questa coinvolgente esperienza.

Un bagno alla Piscina das Marés 

Nuotare nell’Oceano può essere rischioso, specialmente per chi non è un nuotatore esperto, a causa delle forti correnti dell’Atlantico e delle acque talvolta agitate della costa portoghese. Per questo motivo, molte località costiere del Portogallo, compresa Porto, hanno costruito piscine artificiali a ridosso del mare per consentire alle persone di godersi il bagno e le acque fresche dell’Oceano in un ambiente più protetto.

Piscina das Marés Porto
Il complesso di piscine di acqua salata sulla spiaggia di Leça (foto Dario Raffaele)

Leça de Palmeiras, vicino a Matosinhos, si trovano le più famose piscine di acqua salata in riva all’Oceano: le Piscina das Marés, Piscine delle Maree. Sono state costruite negli anni ’60 su progetto dell’architetto Álvaro Siza Vieira e inaugurate nel 1966. Nel 2006 questo complesso è stato dichiarato Monumento Nazionale. Le piscine sono aperte tutti i giorni dalle 9 alle 19 a un prezzo che varia dai 3,50 euro ai 10 euro. Spogliatoio, ombrelloni su richiesta, un bar e animazione allieteranno la visita in questo posto incantevole e sicuro confinante con l’Oceano. Per raggiungere le piscine di Leça de Palmeiras da Porto è possibile prendere gli autobus 601 0 507 dal centro città.

(articolo già pubblicato su Dove Viaggi)

Di Dario Raffaele

Giornalista professionista dal 2009 e Social media manager, mi piace definirmi un Social media journalist. Specializzato nel settore travel, amo raccontare emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *