tornano i turisti stranieri in Sicilia

L’economia della Sicilia, dopo il black out dovuto alla pandemia, torna a contare con forza sui flussi turistici degli stranieri. Nei primi otto mesi del 2022 si è registrato un più 55 per cento di pernottamenti e più 63 per cento di arrivi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. E questo lo si deve soprattutto al ritorno in massa degli stranieri: sono stati il 207 per cento in più gli arrivi da gennaio ad agosto rispetto allo stesso periodo del 2021, 177,8 per cento in più i pernottamenti. Meno roboante l’incremento del flusso turisti degli italiani, ma comunque significativo: 26 per cento in più di arrivi e 19 per cento in più di pernottamenti.

Oltre 6,5 milioni di pernottamenti in 8 mesi

Sono questi i dati di metà novembre resi noti da Bankitalia nel consueto aggiornamento congiunturale per la Sicilia. In attesa dei dati ufficiali dell’Istat e dell’Osservatorio turistico della Regione (che saranno diffusi non prima di gennaio 2023), è possibile “trasformare” queste percentuali in valore assoluto per avere più chiara la dimensione dei flussi turistici di questi primi otto mesi. E così, se nel 2021 si erano registrate 9.689.000 presenze complessive in Sicilia, nei primi otto mesi i turisti pernottanti nell’Isola erano stati poco più di 6.558.000.

Con il ritorno in massa dei turisti stranieri la Sicilia è riuscita a superare questo dato di oltre tre milioni e mezzo facendo sì che alla data del 31 agosto 2022 i pernottamenti in Sicilia (tra esercizi alberghieri ed extralberghieri) siano già stati 10.165.000. Lo stesso vale per la voce arrivi: nei primi otto mesi dell’anno è stato già superato il valore complessivo registrato durante tutto il 2021, 3.958.000 contro 3.113.000. Se la tendenza (del +55 per cento di pernottamenti) dovesse confermarsi, a fine anno supereremmo la soglia dei 15 milioni di presenze (15.017.950) il che ci farebbe tornare all’anno record, pre-covid, del 2019.

12 milioni di passeggeri negli aeroporti siciliani

Che i turisti siano tornati nell’Isola lo si evince anche dai dati dei passeggeri sbarcati negli aeroporti siciliani. Secondo Assaeroporti nei primi 8 mesi dell’anno sono stati già 12.493.000: Catania si conferma primo aeroporto dell’Isola per movimento passeggeri (oltre 6.621.000 e 99 per cento in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno) seguito da Palermo (4.792.000 e 96,4% in più di gennaio-agosto ‘21) e Trapani (597.000 con un incremento del 165 per cento). Complessivamente tutti gli aeroporti siciliani hanno raddoppiato il numero dei passeggeri arrivati in questo lasso di tempo.

Di Dario Raffaele

Giornalista professionista dal 2009 e Social media manager, mi piace definirmi un Social media journalist. Specializzato nel settore travel, amo raccontare emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *